I cani possono mangiare le noci o sono tossiche? 

I cani possono mangiare le noci o sono tossiche? 

I cani possono mangiare le noci? Chiederselo prima di dare un po’ di questa deliziosa frutta secca al tuo amico a quattro zampe è più che lecito. Sappiamo, infatti, che esistono tantissimi alimenti tossici per i cani, e alcuni di essi sono cibi molto comuni sulle nostre tavole. Anche le noci sono tossiche per i cani o possiamo dargliele senza problemi? Scopriamolo insieme in questo articolo. 

Leggi anche: I cani possono mangiare i pomodori?

Quando i cani possono mangiare le noci 

Le noci sono uno snack salutare, naturale e ricco di sostanze nutritive e proprietà benefiche per il nostro organismo. Sono infatti un’ottima fonte di fibre, ma anche di vitamine, minerali e soprattutto di fosforo: non a caso sono spesso consigliate come spuntino spezza-fame da dietologi e nutrizionisti. Ma anche per Fido vale lo stesso discorso o le noci sono tossiche per i cani

Dipende da cosa intendiamo. Possiamo dire che i cani possono mangiare le noci comuni senza grandi problemi, ma in quantità modeste e non tutti i giorni. Con questi importanti accorgimenti, anche loro possono trarre beneficio dall’ingestione delle noci, grazie alla loro azione rilassante e antistress. A lungo andare potrebbero anche aiutare in caso di ansia da separazione nel cane. In altri frangenti, come vedremo tra poco, è meglio evitare di dare le noci al cane perché possono risultare dannose. 

La risposta quindi è che i cani possono mangiare le noci, ma ad alcune condizioni. È importante, inoltre, che si tratti di noci naturali e pure, non confezionate: in quel caso possono contenere additivi tossici per il loro organismo, come sale, dolcificanti e uva passa. 

Quando i cani NON possono mangiare le noci 

In determinati casi le noci sono un alimento tossico per i cani, che va evitato in assoluto per sottrarre l’animale a rischi poco piacevoli per la sua salute. 

Parliamo per esempio del caso in cui le noci vengano conservate troppo a lungo: con il tempo, infatti, iniziano a produrre una muffa tossica che contiene micotossine tremorgeniche. Queste sostanze tossiche sono molto dannose per l’organismo del cane, e possono portare a seri danni per la sua salute a livello neurologico

Altri motivi per cui i cani non possono mangiare le noci sono: 

  • Dimensioni 
  • Alto contenuto di grassi
  • Grandi quantità 

Dimensioni 

Se parliamo di cani di taglia piccola, le noci possono rappresentare un vero e proprio rischio di soffocamento. Essendo troppo grandi, il cane potrebbe ingoiarle intere per la foga e non riuscire a mandarle del tutto giù.

Ma in questo caso il rischio è doppio, perché le noci possono anche causare un’ostruzione intestinale nel cane che gli impedisce di defecare. Come te ne accorgi? Oltre per l’ovvio motivo dell’assenza di bisogni, puoi notare nel tuo animale domestico segnali come vomito, debolezza e dolori addominali. 

Alto contenuto di grassi 

Le noci sono uno snack salutare, sì, ma sono molto caloriche ricche di grassi insaturi. Il problema è che un consumo assiduo di questi alimenti possa portare il cane ad un notevole aumento di peso. E questo non fa bene alla sua salute, e in particolar modo alle sue articolazioni che devono sorreggere il suo peso. 

Inoltre, i cani non digeriscono bene i grassi, e un consumo eccessivo e continuo può essere causa di sintomi come vomito, diarrea e situazioni più serie come la pancreatite. 

Una buona alternativa come snack da sgranocchiare è il latte di yak: scopri qui sotto di più su questo delizioso alimento a basso contenuto di grassi. 

Latte di yak per cani: cos’è, benefici e controindicazioni

Grandi quantità di noci sono tossiche per i cani 

Abbiamo detto che i cani possono mangiare le noci comuni, ma in piccole quantità sporadiche. Infatti, una grande quantità di questo alimento può comunque rivelarsi velenosa, a causa delle tossine e delle sostanze prodotte dalla muffa che contiene. 

Considera che già 100 grammi per un cane di 10 kg sono troppi. 

Noci sono tossiche per i cani 

Attenzione anche a quanto detto finora: abbiamo sempre parlato di noci comuni, ovvero la tipologia che ci divertiamo a “snocciolare” a fine pasto durante tutto l’anno. Ma naturalmente ne esistono tantissime altre varietà, e non per tutte valgono le stesse regole. 

Anzi, bisogna prestare grande attenzione perché altre tipologie di noci sono tossiche per i cani in ogni caso, anche in minimissime quantità! 

  • Noci di Macadamia: sono il male assoluto per i cani, che non possono mangiarne neanche una quantità irrisoria. Pensa che per l’insorgenza dei primi sintomi di avvelenamento ne bastano 2 o 3 per un cane grande, e anche solo 1 per un cane di piccola taglia! Causano sintomi come debolezza, tremori, vomito, febbre e difficoltà del controllo muscolare che insorgono entro 12 ore dall’ingestione. 
  • Noci del Brasile: questa varietà è considerata abbastanza tossica per i cani a causa dell’elevato contenuto di grassi. Porta disturbi gastrici che possono condurre a loro volta a problematiche più gravi. 
  • Noci nere: sono una varietà di noci non comune qui da noi, ma maggiormente utilizzata da alcune culture indiane, cinesi e native americane per le sue importanti proprietà. Il fatto è che queste noci sono molto tossiche per i cani: anche se non è comune trovarle qui in commercio, è sempre meglio saperlo. 

Altra frutta secca che i cani possono mangiare 

In generale la frutta secca va sempre data ai cani in piccole quantità a causa del contenuto di grassi, ma anche di sale. Ma quali varietà possono mangiare? 

Diciamo che si va “sul sicuro” soltanto con noci comuni, anacardi e arachidi (queste ultime poco per il sale). Anche le nocciole vanno bene, ma non più di un paio al giorno. Per quanto riguarda le mandorle, invece, sono molto sconsigliate per via della loro forma e della loro dimensione: a causa di questi due fattori, possono causare facilmente il soffocamento dell’animale. 

Scopri di più qui: I cani possono mangiare le mandorle? 

Cosa fare se il cane ha mangiato le noci? 

Nel caso in cui il tuo cane avesse ingerito una notevole quantità di noci, cosa fare? Innanzitutto, bisogna attendere l’eventuale insorgenza dei sintomi: come abbiamo visto, compaiono entro le prime 12 ore. Ma quali sono, con esattezza? 

I principali sintomi da avvelenamento da noci nel cane sono: 

  • Depressione
  • Tremori
  • Debolezza
  • Mancanza di appetito
  • Vomito
  • Diarrea
  • Convulsioni

Ne basta anche solo uno per farti mettere in allarme: non appena compaiono, contatta subito il veterinario per scongiurare il rischio di pancreatite. Nel caso in cui il cane non dovesse averla sviluppata, i sintomi dovrebbero scomparire da soli nell’arco di 48 ore

Attenzione, però: in caso di ingestione di noci di Macadamia, alla lista dei sintomi appena visti ce ne sono da aggiungere anche altri molto seri come atassia* e sbandamento.

*disturbo nervoso che comporta la perdita graduale dell’equilibrio e della coordinazione muscolare. 

Conoscere tutto ciò che potrebbe essere potenzialmente dannoso per il tuo amico fidato è importantissimo per preservare la sua salute. Continua a seguirci per scoprire altre preziose informazioni, curiosità e news che riguardano i cani e tutti gli animali domestici!

Leggi anche: I cani possono mangiare le uova?

Clicca qui per tornare all’indice

QUI TROVI I NOSTRI ULTIMI ARTICOLI:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *